La prateria da fieno

L’Alpe Devero è un alpeggio ancora vivo. L’ampio pianoro è un’estesa area prativa che viene annualmente falciata e la cui erba viene trasportata nelle stalle per gli animali della valle. Ogni anno, inoltre, intorno alla metà di giugno gli allevatori dei paesi sottostanti portano le vacche a pascolare in quota, con tappe progressive dall’Alpe Devero fino ai più alti alpeggi di Buscagna, Sangiatto, Pianboglio e poi Forno. Durante la stagione estiva l’erba delle alte praterie nutre le vacche e dal loro latte vengono prodotte forme di formaggio di pregevole qualità. E’ a metà settembre che con la festa dello “scarghè” gli alpeggi vengono scaricati e le bestie e i pastori ritornano a valle.

All’Alpe Devero il pascolo è ancora praticato

La prateria da fieno fa parte dunque del paesaggio e del lavoro tradizionale da alcuni secoli. Elementi tipici erano il baitello per l’abitazione stagionale e per la preparazione del formaggio e accanto la stalla, con lunghe mangiatoie a raso terra e un fienile al piano superiore con un finestrone per caricare il fieno.

Baita, stalle e fienili in località Campello
Interno di un baitello adibito ad abitazione stagionale

Attorno era il prato, drenato e dissodato, che veniva falciato a metà luglio quando l’erba è più profumata e saporita, concimato dagli animali al pascolo e  difeso dall’avanzamento spontaneo del bosco o degli arbusti circostanti.

Un lavoro secolare, in molte aree del Devero ancora vivo, che ha conformato il paesaggio disegnando le distese prative che si accendono di ranuncoli gialli in giugno, si colorano poi di bianchi cerfogli, o bruniscono in autunno con i riflessi caldi dell’erba secca. Ma un prato è anche un ecosistema pregiato, in cui convivono, nel corso delle stagioni, le specie erbacee, gli insetti che le impollinano, gli uccelli che vi nidificano, le talpe, le arvicole e i lombrichi sottoterra, i cervi e i caprioli che vengono a nutrirsi. E’ un ambiente frequentato da numerosi uccelli, dove trovano cibo tra gli altri l’aquila reale, il pecchiaiolo, il nibbio bruno, il gracchio corallino e la ghiandaia. Si tratta, inoltre, di un’area di caccia per i pipistrelli.  

La fioritura di luglio

Un delicato equilibrio

Il prato è un habitat fragile e protetto. Sono numerose le minacce che ne possono alterare l’equilibrio. Una viene proprio dal pascolo stesso: le deiezioni delle vacche rendono molto acido il suolo dando origine a specie erbacee che colonizzano il terreno: le lavazze dalle foglie larghe (Rumex alpina)  e le ortiche (Urtica dioica) prendono il sopravvento e con le loro lunghe radici sotterranee permangono anche anni dopo che gli alpeggi sono abbandonati. E’ così negli alpeggi abbandonati di Misanco, delle Alpi del Grande Est e perfino ai Piani della Rossa. Dove i pascoli sono numerosi, anche  il calpestio degli animali e  il letame fresco danneggiano le erbe e il prato.

Lavazze attorno alle baite di Misanco. Foto Armando Bottelli

D’altra parte, il progressivo abbandono dell’attività pastorale senza l’attività di cura e sfalcio porta alla riduzione progressiva delle aree prative. Altra minaccia proviene infatti dai confini del prato, che non è un ambiente originario e in cui cespugli di lamponi, mirtilli, ginepro possono diffondersi rapidamente ibridando l’habitat. Le raccomandazioni naturalistiche invitano allo sfalcio annuale, quando il prato è maturo, i fiori e gli insetti si sono incrociati e l’asporto dell’erba secca possa far respirare e idratare le erbe e prepararle alla stagione fredda.   

Una pianta erbacea di ampia diffusione è il veratro (Veratrum album),  che cresce a giugno con ampie foglie verde intenso e una vistosa fioritura. Come per le lavazze e le ortiche, la bonifica della prateria per conservarne la biodiversità vede lo sradicamento, fatto a mano con il piccone, delle piante più infestanti che tolgono spazio alle altre specie.

Bonifica di un ambiente prativo da veratri e lavazze

Ma i risultati sono appaganti: la stessa zona dopo pochi anni vede il prato popolato di specie anche rare: nella foto Pilosella, Arnica (Arnica montana) , raponzolo montano ( Phyteuma nigrum), cerfoglio, codolino (Phleum pratense), orchidee (Dactylorhiza sambucina, Dactylorhiza maculata).

Lo stesso terreno, qualche anno dopo la bonifica

Altrove, come a Crampiolo, è la pressione crescente di visitatori che escono dai sentieri, si stendono per fare pic-nic o prendere il sole, calpestano  le erbe o raccolgono i fiori, che sciupa e deturpa l’ambiente stesso da cui sono attratti.

Una prateria nelle diverse stagioni: il Vallaro.

L’ultima nevicata di primavera. Il silenzio è rotto solo dall’abbaiare serale della volpe.
I prati esposti a est sono i primi ad emergere. Le erbe ancora secche sono solcate da tane e scavi di topolini e  arvicole
Fresco vento della primavera in arrivo

Con lo sciogliersi delle nevi le erbe iniziano a risvegliarsi. Alcune piante erbacee hanno gemme che svernano al livello del suolo protette dalla neve o dalla lettiera (sostanze organiche morte situate sulla superficie del suolo, come rami, foglie e animali ). Altre gemmano sottoterra, crescendo da bulbi, tuberi o dai rizomi, che sono radici legnose che si estendono sotto il terreno in modo orizzontale. Altre piante, che completano in un anno il loro ciclo vitale, ma più rare in ambiente montano, affidano a semi la propria continuazione.

Tra l’erba ancora secca dai loro bulbi spuntano i primi crochi.
Lo stambecco, così come i cervi e i caprioli, scendono sulle praterie libere dalla neve per brucare le prime erbe e i germogli.

I primi colori sono il blu cobalto della genziana (Gentiana clusii e Gentiana acalulis),  accompagnato dal giallo dei ranuncoli ; poco dopo l’azzurro dei non ti scordar di me (Myosotis alpina ). Poi il prato verdeggia pian piano, fino all’intenso colore dell’erba di maggio da cui emergono specie diverse a seconda del terreno sottostante; la piccola alchemilla e la potentilla dorata,  le bellissime orchidee bianche violette e poi più quelle azzurro intense;  il giallo tarassaco.

Gloriosa maturità di giugno dorato di ranuncoli e tarassaco.
Dopo il giallo dei ranuncoli, la crepide dorata con il suo colore arancio, i trifogli bianchi e violacei.

I trifogli, così come gli arbusti di ontano che crescono lungo il ruscello, svolgono una particolare attività nel ciclo vitale. Una delle funzioni del prato e delle piante è mettere in circolazione un elemento necessario alla vita organica, l’azoto, che si trova nell’atmosfera allo stato di gas. L’azoto è indispensabile per costituire il DNA e le proteine costituenti gli esseri organici, ma gli animali non sanno attingerne direttamente. Le piante invece attraverso le proprie radici sanno assorbire composti azotati e alcune di esse, come appunto i  trifogli e gli ontani, ospitano presso le proprie radici dei batteri particolarmente attivi nel captare l’azoto e rendere più acido il terreno. Nella catena alimentare, l’azoto giunge alle piante per poi essere mangiato dagli erbivori, successivamente prede dei carnivori, per poi tornare nel terreno con la decomposizione degli organismi e attraverso altri batteri essere rilasciato nell’atmosfera.

Varie specie di  orchidee (Dactylorhiza sambucina, Dactylorhiza majalis) popolano il prato fiorendo in momenti successivi della stagione.

E’ finita l’estate.

La valletta del Vallaro in autunno. Foto Alessandro Franzini

Nella quiete autunnale le radici e il manto erboso marciscono; i decompositori trasformano le piante in nutrienti e arricchiscono l’humus; rane e piccoli mammiferi si riparano dai freddi in arrivo.  

10 agosto 2020 Renata Farina

Lascia una risposta